Top
Processione dei Misteri Dolorosi - Foggia, Pasqua, Puglia

La Puglia è la terra del mare, del buon cibo ma anche dell’arte e della cultura. Ecco alcuni dei riti più particolari che puoi vedere durante la Settimana Santa.

Per i cattolici la Pasqua è il giorno in cui Gesù risorge dopo essersi sacrificato sulla croce per redimere i peccati dell’umanità, ma in Puglia c’è di più.

In ricordo di questo evento drammatico e salvifico, i credenti celebrano la resurrezione di Cristo nella Domenica di Pasqua facendola precedere da una serie di riti preparatori che durano dalla Domenica delle Palme al Sabato Santo: la Settimana Santa.

Questa settimana fortemente sentita dai pugliesi, è vissuta con estremo trasporto da tutte le comunità della provincia di Foggia che si prodigano per lo svolgimento di interessanti, e spesso curiose, processioni pubbliche.

 

1) Le Fracchie di San Marco in Lamis

Fracchie, San Marco in Lamis, Puglia, Pasqua. Foto di Viaggio RoutardTra gli eventi più caratteristici c’è la celebrazione del Venerdì Santo a San Marco in Lamis. Qui, a precedere la processione che ricorda la “salita al Golgota” di Cristo, ci sono le Fracchie, enormi torce di tronchi di legno che, infuocate, accentuano la suggestione del momento drammatico. Un momento veramente suggestivo che puoi vedere in Puglia solo in questo periodo.

2) L’Incontro a Foggia

Processione dei Misteri Dolorosi - Foggia, Puglia, Pasqua

Altrettanto carico di emozione è il cosiddetto  “Incontro” che si celebra durante la processione del Venerdì Santo a Foggia.

Le statue che rappresentano la Passione di Cristo (dette dei Misteri Dolorosi), dalla Cripta della Cattedrale vengono portate a spalla dalle varie confraternite finché la scultura del Cristo Morto non incontra in piazza XX Settembre quella della Madonna Addolorata proveniente dalla chiesa omonima che, per tre volte e accompagnata da uno struggente crescendo intonato dalla banda, si avvicina e si allontana dal corpo del Cristo defunto. Madre e figlio, così drammaticamente riuniti proseguono la processione insieme.

3) La Processione delle Catene a Troia

Processione delle Catene, Troia, Puglia, Pasqua. Foto di Fiore Silvestro Barbato

Ph. Fiore Silvestro Barbato

Ancora più suggestiva è la Processione delle Catene a Troia, cittadina famosa in tutta la Puglia per la Cattedrale romanica dallo splendido Rosone. A caratterizzare questo evento sono le catene che 5 penitenti hanno legate ai piedi scalzi mentre, vestiti di bianco e incappucciati, portano una pesante croce sulla schiena durante la processione.

 

4) La Messa Pazza a Vico del Gargano

Nella cittadina con patrono San Valentino, Vico del Gargano, il Venerdì Santo si celebra la Messa Pazza. Questa funzione delle 17 è detta così perché manca del momento della consacrazione eucaristica. Inoltre, alle ore 19,  c’è il corteo con fedeli e Confraternite che portano in processione il simulacro dell’Addolorata della Chiesa Matrice e il Cristo morto della Chiesa di San Giuseppe intonando a cori alterni il Miserere.

5) Il Cristo Rosso a Cerignola

Cristo rosso Cerignola Foggia Puglia pasqua settimana santa

Ph. Canosaweb

In ultimo un rito che ha come protagonista il colore della passione: il rosso. Sì perché a Cerignola la processione del Venerdì Santo è caratterizzata dal Cristo Rosso.

Quest’uomo incappucciato e vestito completamente di rosso, rappresenta, per la tradizione popolare, il Cireneo che, nel tragitto di Cristo al Golgota, lo aiutò a portare la croce.

Il Cristo Rosso che precede il Cristo Morto della Processione indossa anche la corona di spine e procede per le vie della cittadina scalzo.

Settimana Santa 2022

Quest’anno, dopo due anni di stop, riprendono le processioni e i riti della Settimana Santa. Infatti, la Conferenza Episcopale Pugliese ha raccolto gli indirizzi governativi sulla fine dello stato di emergenza e le indicazioni della Santa Sede e ha annunciato la ripresa delle manifestazioni religiose.

 

Vuoi vivere un’esperienza unica?

Se vuoi restare aggiornato sulle nostre iniziative

Comments

  • Avatar
    9 Aprile 2020

    Agnese

    Da foggiana, non ero a conoscenza di alcune di queste usanze. Le metto in agenda 2021! Adoro questi eventi poiché, religiosi o meno che siano gli intenti dei visitatori, assistere a queste celebrazioni così antiche e radicate nell’identità tradizionale del luogo è sempre un’esperienza particolare e di impatto. Grazie per le informazioni.

    reply

Lascia un Commento