Top
mosaico romano archeologia Puglia bellezza cura corpo

Gli antichi romani tenevano molto alla cura del corpo, ma usavano prodotti particolari

Oggi per la cura del corpo. Molto comuni erano le terme in cui non solo si curava il corpo ma anche le relazioni e gli affari.

Gli impianti termali erano costellati di marmi preziosi e statue, proprio per mostrare il potere degli imperatori e le conquiste da loro fatte.

Oggi le terme sono ancora diffuse, ma non ci sogneremmo mai di praticare questi 3 strani trattamenti di bellezza usati dagli antichi romani:

Mosaico romano coccodrillo archeologia Puglia1) Crocodilea, maschera schiarente per il viso a base di escrementi di coccodrillo.
I coccodrilli seguivano diete rigide a base di fiori ed erbe per attenuare il cattivo odore degli escrementi.

Plinio il Vecchio (I sec.), riferisce che le donne romane lo utilizzavano. Per essere belle anche l’urina o lo sterco andavano bene. Perché la pelle doveva essere assolutamente bianca ma rosata sulle guance e rossa sulle labbra, come una bambola.

 

 

 

Mosaico romano coccodrillo archeologia Puglia2) Il peeling di Poppea, maschera nota come Pinguia Poppea. La maschera era a base di latte d’asina al quale veniva mescolato farina di segale e foglie fresche tritate.

La maschera di bellezza poi veniva applicata sul viso e lasciata in posa per un’intera notte.

 

 

3) Scrub (o esfolianti per la pelle) preparati con radice di giglio, semi e miele oppure con farina d’orzo e burro.

Nell’impero romano anche gli uomini si depilano, massaggiano e truccano, il che scandalizza Plinio, ma non più di tanto, perchè: “E’ da meravigliarsi che l’uso di queste delicatezze sia giunto fino all’esercito, perché invero le aquile e le insegne polverose richiedono altri custodi. Tuttavia è vero che le aquile corrotte da questo premio hanno soggiogato il mondo”

D’altronde Cesare disse che i suoi soldati erano profumati ma combattevano bene, e i fatti dimostravano che fosse vero.

Vuoi vivere una vita da antico romano?

Se vuoi restare aggiornato sulle nostre iniziative

Lascia un Commento